Salta al contenuto principale

CHAMPAGNE BLANC DE BLANCS “S” SALON BRUT 1988 LE MESNIL

registrati per vedere il prezzo
Codice: 00001835
Disponibilità:

0

Contenuto:
0,75 lt.
Confezione:
Bottiglia
Eugène-Aimé Salon nacque il 7 ottobre 1867 a Pocancy, ai piedi della Côte des Blancs in Champagne.
Poco attirato dalla fattoria di famiglia e ancor meno dalla carriera di insegnante che gli era stata prospettata, Aimé Salon preferì tentare la fortuna a Parigi ed entrare in affari.
Da ragazzo pieno di entusiasmo riuscì ad ottenere un lavoro in un'azienda di pellicce; la Chapal di Montreuil.
All'inizio era poco raffinato ma ben presto ne divenne responsabile, prese in mano il destino dell'azienda, la sviluppò e divenne uno dei personaggi di un brillante mondo parigino all'alba del nuovo secolo.
Attivo, intelligente, gestisce i suoi affari da Parigi a New York (non c'è stata una vendita di pellicce a New York, Londra o Parigi in cui non sia stato coinvolto) ama la vita, il piacere, le cose belle e, inutile dirlo per uno champenois, il miglior Champagne.
Lì, sogna! Sogna lo Champagne più bello che ci sia, un vino singolare che sia unicamente suo, uno Champagne unico.
I suoi legami con la regione della Champagne rimasero forti; suo cognato, il capo della cantina, lo consigliò di comprare della terra e iniziare.
Dopo aver confrontato le rispettive caratteristiche dei vigneti di Cramant, Avize, Oger e Mesnil-sur-Oger, decise che le uve di Mesnil producevano vini più adatti all'invecchiamento.
Definì il suo terroir, la Côte des Blancs, i migliori cru, quello di Mesnil-sur-Oger, le migliori parcelle, quelle in cima alla chiesa, situate sul "terroir", dove l'equilibrio tra zucchero e acidità è perfetto.
La sua visione è chiara: farà per sé, per il suo consumo personale, uno Champagne monovarietale.
Con una prima vendemmia avvenuta nel 1905, lo Champagne Salon vide la luce.
Inizialmente prodotto per il suo piacere personale e pochi amici, fu solamente dopo la tragedia della guerra, nel 1920, che venne condiviso con una clientela di amatori.
Da allora in poi, lo Champagne Salon comparve nei luoghi più frequentati.
Il Maxim's dei Roaring Twenties, tra gli altri, ne fece il suo Champagne di casa.
Aveva una tavola aperta, frequentava il mondo politico, affermava le sue convinzioni europee e apparteneva al famoso "Club des cent".
Tutti volevano bere il suo Champagne.
Questo era molto insolito per l'epoca perché si trattava di un vino fatto solo con l'uva Chardonnay; si consideri che prima della guerra del 1914-1918, nessuna marca di Champagne commercializzava un vino monovarietale.
Aimé Salon fu il precursore del Blanc de Blancs.
Il suo successo fu esemplare, la sua vita estremamente piacevole.
Appassionato delle arti della tavola (due cuochi lavoravano nella sua casa di campagna a Mesnil-sur-Oger), aveva idee molto precise sui piatti e sulla loro preparazione, così come sui vini che dovevano accompagnarli.
Dalla vendemmia del 1928, che valse a Salon il riconoscimento unanime degli intenditori di vino, i requisiti sono rimasti gli stessi; vengono commercializzate solo le annate eccezionali e le grandi annate, la produzione è limitata e i processi di vinificazione sono immutabili.
Salon proviene da una parcella di un ettaro, "le Jardin Salon", e da altre diciannove piccole parcelle e altri diciannove piccoli appezzamenti a Mesnil-sur-Oger, selezionati da Aimé Salon all'inizio del XX° secolo.
I vini sono tenuti in cantina per una media di dieci anni prima di rivelare la loro complessità e finezza.
Tant’è che se la Maison Salon conserva ancora nelle sue cantine le bottiglie di quasi tutte le annate che sono state commercializzate, è segno che qui la memoria ha un senso.
Nel XX° secolo ha prodotto 37 annate, un fatto unico nel mondo del vino.
Oggi è gestita con la casa Delamotte da Didier Depond, presidente, e Michel Fauconnet, maestro di cantina e direttore di produzione del gruppo Laurent-Perrier.

CHAMPAGNE BLANC DE BLANCS “S” SALON BRUT 1988 LE MESNIL

Una grande espressione di Salon: l'annata 1988!
Salon 1988 è lo Champagne Salon per antonomasia, vale a dire che riassume le più belle qualità di Salon: finezza e potenza, aromi sottili, mutevoli, in sviluppo al naso, al palato, in evoluzione nel bicchiere e in bocca, ma, allo stesso tempo, la presenza del vino, come si parla della presenza di un essere, la sua aura.
Il Salon 1988 si impone per la sua complessità, questa capacità di sorprendere che fa il fascino dei grandi seduttori.
Ma non c'è nessun dongiovannismo: è vero, un franco, fedele, grande amante!
Andamento climatico: dopo un inverno mite e particolarmente piovoso, i mesi secchi e quelli umidi si sono alternati fino alla maturazione.
Il periodo vegetativo della vite è stato quindi graziato da precipitazioni normali e da un'insolazione abbastanza elevata.
Il raccolto si è svolto con tempo buono, a parte qualche acquazzone sparso.
Anche se le parole "ordinario" e "medio" sono spesso usate per descrivere il 1988, i vini erano sorprendenti e hanno gradualmente sviluppato una forte personalità.
Il 1988 è quindi un'annata notevole che concilia finezza e potenza.

SOLD OUT