Salta al contenuto principale

JEAN GROSPERRIN SUCCESSION PERRIER COGNAC

registrati per vedere il prezzo
Codice: 00000281
Categoria: Cognac
Disponibilità:

1

Contenuto:
1,000 lt.
Confezione:
Bottiglia
Località: Francia-Cognac
La Gabare è una società indipendente di brokers e negociant nel mondo del Cognac, creata nel 1992 da Jean Grosperrin.
Grazie alla sua professionalità, nel corso degli anni, è divenuto uomo di fiducia di numerosi produttori di Cognac che gli hanno spalancato le porte delle loro cantine e messo a disposizione i tesori in esse custoditi.
Oggi l’impresa famigliare è dedita quasi esclusivamente alla selezione di vecchie partite di Cognac, al loro ulteriore invecchiamento e alla commercializzazione in tutto il mondo.

JEAN GROSPERRIN SUCCESSION PERRIER COGNAC

Questo Cognac Bon Bois è stato messo in questa bottiglia da M. Albert Perrier (1912 – 1999) dopo averlo ereditato dal suo patrigno M. Edouard Gentis viticultore a Chantillac, in Charente.
Dopo il secondo conflitto mondiale, quando divenne proprietario di questo patrimonio famigliare costituito da 350 bottiglie, Albert nascose in una cantina scavata nella roccia il suo piccolo tesoro.
Solamente il 15 Gennaio 2000 tutte le bottiglie vennero portate alla luce e stappate per verificarne il contenuto.
Venne sostituito il tappo ad ognuno dei flaconi e tramite La Gabare vennero poste in vendita a piccoli lotti. Quello di appartenenza di questo flacone contava solamente 34 esemplari che vennero poi numerati progressivamente.
Il Cognac titola una gradazione del 48,7% Vol.
Si noti anche che ogni bottiglia è diversa dall’altra in quanto vennero utilizzati dei vetri di recupero che contengono esattamente un litro.
Sulla bottiglia, dopo essere stata ritappata, è stato posto un filo metallico piombato che, passando trasversalmente il tappo, ne garantisce l’autenticità e ne impedisce la manomissione.
Con la bottiglia viene fornito anche il vecchio tappo d’origine .
L’importatore non è indicato, ma possiamo dichiarare che questa piccola partita di Cognac fu portata in Italia da Enoteca Catullo.
Successivamente l’importazione venne affidata a Sarzi Amadè di Milano che non importò mai questa referenza in quanto esaurita.